sabato, novembre 11, 2006,21:14
I love Roma.
Con infinita commozione, pubblico questo post di Matteo Bordone.

Venti ore a Roma. Succede che ci sia ancora un clima similprimaverile e la città eterna sia veramente bella, tiepidina, con le donne che ti lumano come a Milano nemmeno dopo il decimo amplesso: te staccheno la carne de dosso.
Succede che l’arrivo alla stazione Termini metta di buon umore perché quella sì, altro che la stazione centrale di Milano, è pulita, ripulita, luminosa, moderna, europea e allo stesso tempo calda. Poi però si scende in metrò e ci si trova davanti un po’ di merdazza di sporco e scasciato coi vagoni grigi di scritte e tag e pezzi e graffiti chiamateli come cazzo vi pare. Incontro Matteo che mi ospita per la notte e gli dico subito: “Devo dì a Walter che è tutto bellissimo, ma su ‘sta metro dovemo intervenì er prima possibbile”. E si scherza si ride. Poi la città è masticata quotidianamente dal traffico, ma le case, i palazzi, come in Caro Diario, si scoprono belli anche nella loro palazzonità. Il cielo è più grande che a Milano.

La sera mangiamo dar sor Achille. E l’esperienza non si descrive. Uno che ti porta due etti di pasta a testa e poi passando chiede un po’ minaccioso: “V’abbasta?”. Noi diciamo sì sì, ma poi magnamo anche lenticchie co ‘na sarsiccia e ‘na porpetta. A un gruppo di tamarrelli sedicenni nel tavolo accanto Achille intima: “Se cominciate a fa’ gli stronzi, ve devo caccià”. E questi, buoni: “C’ha raggione, sor Achille”. Tutto vero, non parco a tema di osteria romana. Vero. Sono l’unico non romano del locale, per dire.
La mattina dopo, cappuccino con un cornetto alla crema da lacrima, gatti randagi bellissimi in giro (Ma lo sai che a Largo Argentina ce sta ‘na colonia protetta de tre quattrocento gatti?!), riprendo la metro per tornare alla stazione e prima che glielo abbia fatto notare er sindaco daa Juve ha cambiato i vagoni e ci sono vagoni nuovissimi, lunghissimi, splendidi, tutti modernità e igiene arancione. Ma si ispira a Robert Kennedy o a Faust, ‘sto primo cittadino?
In treno, al ritorno, accanto a me uno degli ex partecipanti del reality calcistico Campioni. Giuro. Napoletanto benestante. Studia a Roma ma sale a Milano per fare un provino col Milan. Si parla anche di politica e di indulto. Conversazione gradevole.

scritto da Andrea&Serena



6 Commenti:


  • Alle 12 novembre, 2006 14:50, Blogger QuadrophenicO

    ROMA RULES!

  • Alle 12 novembre, 2006 21:33, Anonymous Anonimo

    Roma,nonostante i tanti impicci,impacci e spacci....resta sempre una città affascinante!!!
    Ciao superPeppe!!!!
    saccheggiatorcortese.splinder.com

  • Alle 12 novembre, 2006 22:01, Anonymous ericablogger

    da brava piemontese quasi doc( avevo un nonno milanese! ) tifo Roma ... non c'è paragone con Milano , troppo , sempre troppo in tutto , anche nel peggio , ahimè ....
    ciao

  • Alle 13 novembre, 2006 11:26, Blogger QuadrophenicO

    A noi romani piace anche il peggio di Roma...Roma non si tocca, va bene così, una spanna sopra qualsiasi altra città della nazione punto.

  • Alle 13 novembre, 2006 20:09, Blogger Tottoi

    se fosse una donna roma sarebbe la più bella del mondo in maiera oggettiva, ma resta il fatto che i romani sono provincialotti. parlando da persona che si spaccia da romano e che ama roma

  • Alle 13 novembre, 2006 21:00, Blogger QuadrophenicO

    Ahahah...B lo sai pure te com'è...punto, poi ne parliamo Io e te qui non serve a un cazzo.

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.