mercoledì, aprile 26, 2006,21:38
Bertinotti, Andreotti e l'Italia a testa in giù. #2
Per le ultime dal Nepal leggi qui. In giornata nuovi aggiornamenti.
UPDATE: qui.

A questo post mi viene da porre alcune precisazioni. Vediamo...



Purtroppo le premesse sono obbligatorie. Dobbiamo cominciare a riflettere sul fatto semplice che le leggi le sentenze e persino e soprattutto la costituzione possano essere errate, come lo è per me sia la sentenza che la costituzione, ma è Legge e noi da bravi cittadini quali siamo la seguiamo, e sbagliamo perseverando a 'farci mangiar in testa' senza spostarci.
Preferiamo prendere per buona quella sentenza, eliminare la pubblicità da rai3, cancellare una rete mediaset, perchè ci sono antipatici la cattivissima pubblicità e il Diavolo Berlusconi ed essere così costretti a subire un ulteriore aumento della tassazione (visto che quello sulla televisione è un tributo a tutti gli effetti) o forse è meglio puntare la mira verso una liberalizzazione della tv che certo non si ottiene come semplicisticamente siamo portati a pensare eliminando le reti o una rete di un privato solo perchè è molto famoso? Mancano le frequenze? e la tecnologia a che serve allora?! C'è il mondo ancora tutto da scoprire del tanto osteggiato (non ho ancora capito il motivo) digitale terrestre.


La mancanza di pluralismo della televisione italiana mi sembra il Godot di Beckett. Un arzillo 70enne ha 3 reti televisive acquisite forse in maniera un pò oscura, come d'altra parte si fa in Italia, ma non mi venite a dire che in quelle reti sono tutti asserviti al padrone-potente quanto, se non meno, di quelo che succede in rai.
Se poi vogliamo prendere per buona quella sentenza è la cosa più semplice ed elementare che possiamo fare, continueremo a far scegliere agli altri per la nostra libertà e diventano inutili le rivoluzioni le proteste gli scioperi e i blog.
Solo per la precisione bertinotti il liberalismo, o come in Italia lo si voglia chiamare per differenziarlo da non so cos'altro di infernale, non l'ha visto neanche con il sempre banale telescopio e credo ne vada anche ovviamente fiero.
O quanto meno le parole di bertinotti sono tutt'altro aderenti a quello che la dottrina del vero liberismo afferma.


Capitolo Andreotti: Sono un pò di parte perchè a me lui è simpatico ma questo non cambia la sua (naturalmente non contestando e ptrendendo quindi per valida la sentenza) indiscutibile colpevolezza, è colpevole nella sostanza quand'anche non nella forma grazie all'assurdo regime della prescrizione. Noi, come paese Italia siamo stati governati quasi dai tempi della costituente (anche se andreotti è talmente tanto che è uno dei potenti d'Italia che sembra quasi ci fosse già con Giolitti) da una persona che concretamente COLLABORAVA con la mafia. Il termine è molto più grande e pesante di quanto la dimensione dei caratteri di word consentano, non avrei alcuna difficoltà ad credere che un qualsiasi ente sia esso un soggetto singolo o una 'assemblea' abbia la necessità di dover avere dei rapporti con le organizzazioni anti-statali è il lavoro sporco della diplomazia ma collaborazione vuol dire interattività tra la chi governa e chi brucia i negozi di chi non vuole la 'protezione'.
Forse semplicemente qui le cose si sanno e ci si dorme sopra, quell'imprenditore ha pagato tangenti per avere l'appalto, si ma lo fanno tutti..quel politico mi ha chiesto dei soldi per quell'autorizzazione, ma che vuoi che sia si fa così qui... non so se negli altri paesi le cose vanno nello stesso modo di come vanno qui, ma sicuramete Qui vanno male. Molto male. e e l'indice lo possiamo puntare guardandoci allo specchio e continuando a credere, si magari anche in buona fede alle favolette tanto caritatevoli delo stato sociale, del bene comune, dello Stato come entità reificata eccetera eccetera eccetera e mentre noi ci autocompiaciamo di quanto siamo buoni nel pensare agli altri grazie allo Stato, loro (i politici, le elite, le lobby) prendono potere, agendo economicamente nel loro interesse come d'altra parte farebbe qualsiasi altro italiano, ma forse qualsiasi altra persona di qualsiasi altra nazionalità, al loro posto.
scritto da Tottoi



2 Commenti:


  • Alle 26 aprile, 2006 20:47, Anonymous Anonimo

    Saluti dal saccheggiatorcortese.splinder.com che non riesce più a lasciar commenti...nemmeno sul suo blog!!!
    Sarà mica una congiura del Cavalier Silvio Antenna????

  • Alle 26 aprile, 2006 21:25, Anonymous ericablog

    io non ho mai amato granch'è i politici, soprattutto quando ho avuto contatti diretti x il fatto che facevo volontariato e dovevo x forza " comunicare " con alcuni di loro. Non amo l'ipocrisia ed ho l'abitudine di dire quello che penso, talvolta anche in modo spiccio e non mi piacciono i compromessi... Attualmente i politici si scannano e bisticciano tra loro ma , secondo me, comunque sono tutti uguali: lo stipendio se lo aumentano spesso e volentieri e non 1 rifiuta i soldi che prende ecc ecc. In altri paesi non sono ai livelli nostri ma comunque gli scandali ci sono , basti vedere Francia e Inghilterra. Forse hanno idee diverse nei paesi nordici ed un diverso modo di comportarsi anche, ma non so se poi scavando sotto sotto non si trovi anche lì del marcio. Lì comunque non ci sono conflitti di interesse xchè le leggi si applicano e si fanno applicare. Qui da noi invece... fatta la legge, fatto l'inganno !!!
    e le leggi ad personam sono uniche ...

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.