giovedì, gennaio 12, 2006,16:03
Il complesso degli uguali

Innaugurando l'anno accademico il Rettore dell'Università di torino a riconosciuto che sarebbe giusto pagare meglio i docenti migliori (la difficoltà sarà poi trovare i modi per valutare i docenti stessi ndr), rendendo meno rigide le "griglie stipendiali". Il linguaggio puzza di burocratese, ma si tratta della rottura di un tabù mai completamente rinnegato. il fatto che nel 2006 rappresenti ancora una notizia la dice lunga sui danni inferti da certo sindacalismo appiattente alla società. Se molti italiani di antico fusto delusi da Berlusconi non se la sento di votare Unione e al massimo meditano di astenersi, non è perchè siano moralmente inferiori, come sostiene Floro d'Arcais. Ai loro occhi la parola "sinistra" incarna l'incubo dell'ugualitarismo, basato sull'dea che le persone vadano ricompensate in base ai bisogni e non ai meriti.
Per decenni dietro l'elogio dell'uguaglianza si è nascosto il disegno di chi voleva massificare le persone per servirsene ai fini di potere. La storia dell'Italia industriale è anche la vicenda di imprenditori a cui i consigli di fabbrica impedivano di premiare l'operaio più meritevole, e di lavoratori demotivati daall'ingiustizia di dover condividere lo stipendio di lavoratori mediocri. e i capi della sinistra frequentassero meno salotti e più strade, s'accorgerebbero che il muro che li separa da tanti elettori potenziali potrebbe essere abbattuto solo da un elogio sincero della disuguaglianza: dettata dal merito e non dalle raccomandazioni, dalle capacità degli individui e non dai meccanismi anonimi delle burocrazie.
di Massimo Gramellini, La Stampa - 11/1/2006

VOCI DALLA REDAZIONE: è in lavorazione un post sulla scuola. Chi già da ora volesse contribuire, può lasciare un recapito tra i commenti.
scritto da Tottoi



4 Commenti:


  • Alle 12 gennaio, 2006 21:23, Anonymous oidualc

    Anche i nostri parlamentari sono pagati tutti allo stesso modo.Potremmo cominciare proprio da loro a differenziare gli stipendi secondo le capacità e i meriti.
    Si accettano proposte per stabilire parametri di valutazione certi!!!

  • Alle 13 gennaio, 2006 00:12, Anonymous Anonimo

    Proposta accolta! Prima mettiamo un tetto. Credo un rimborso spese sia sufficiente.
    Era quasi meglio ad Atene quando i politici non venivano pagati...tanto...avevano intuito che non ne valeva la pena..

  • Alle 13 gennaio, 2006 10:25, Blogger Tottoi

    la cosa incredibile è che leggendo qualsiasi libro di dirtto pubblico si troverà scritto che i parlamentari ricevono una "indennità" stabilita a norma di legge....in pratica quello che succedeva quando i parlamentari erano nobili e/o facoltosi e ricevevano solo un rimborso spese...siamo ancora al 1800.... ma in quale lavoro le persone possono decidere autonomamente il proprio stipendio senza dover rendere conto a nessuno..!?

  • Alle 18 gennaio, 2006 17:46, Blogger Tottoi

    gli eventi impongono una lieve correzione. l'Ansa ha comunicato che il parlamento ha approvato la diminuzione degli emolumenti dei parlamentari del 10%. una piccola cosa buona che merita di essere menzionata

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.