martedì, gennaio 16, 2007,15:59
la guerra civile è finita...
FINALMENTE ALLA CAMERA E' STATA APPROVATA ALL'UNANIMITA' LA COSTITUZIONE AD INTERIM IN NEPAL. Gli ex ribelli Maoisti entrano a far parte del GOVERNO di unità nazionale che porterà alle elezioni. DIVULGHIAMO LA NOTIZIA CHE LA GUERRA CIVILE E' FINITA.
Sui siti di informazione turistica ci sono ancora notizie vecchie di almeno 6 mesi (es su http://www.conscalcutta.esteri.it/Consolato_Calcutta/Menu/Il_Consolato/Il_Console/Messaggio/ troviamo:Il Nepal, affascinante Regno Himalayano che ospita molte delle vette piu’ alte del mondo, e’ stato per molti anni una delle mete piu’ ricercate ed avventurose del turismo internazionale. Dal 1996 il progressivo aggravarsi dello stato di guerra civile, causato dalla guerriglia maoista che mira a rovesciare la secolare monarchia nepalese, ha condotto ad un peggioramento delle condizioni di sicurezza nel paese ed ha aperto una crisi politica di difficile soluzione).
Oggi in Nepal invece è giorno di festa nazionale:
dal Kantipur on line:
Interim Legislature ratifies new statute, public holiday today

Kantipur Report
KATHMANDU, Jan 15 - The Interim Legislature on Monday night unanimously ratified the Interim Constitution of Nepal 2063 promulgated by the last sitting of the House of Representatives earlier.

On behalf of Prime Minister Girija Prasad Koirala, Home Minister Krishna Prasad Sitaula tabled the motion to ratify the Interim Constitution before the Interim Legislature. Following the tabling of the motion, NC parliamentarian Bal Bahadur Rai, who was chairing the first session of the Interim Legislature, asked the MPs to vote on the motion. Rai declared that the Interim Constitution had been ratified by the interim parliament as no 'nays' were heard during the voice voting.

The first sitting of the Interim Legislature concluded following the ratification of the Interim Constitution. The Interim Legislature could not name its speaker today. A vote to this effect is likely to take place on Jan 17, Wednesday.

Meanwhile, the government has declared a public holiday on Tuesday to mark the promulgation of the Interim Constitution.
According to Home Ministry, all government offices, schools and public institutions will remain closed today.

Likewise, Nepalese diplomatic missions abroad will also remain closed today to mark the promulgation of the Interim Constitution which replaces the 1990 constitution.

This is the country's sixth constitution.

Posted on: 2007-01-15 12:34:12 (Server Time)

Un bacio a tutti!

by RongPuk

Etichette:

scritto da Andrea



9 Commenti:


  • Alle 16 gennaio, 2007 20:33, Anonymous ericablogger

    questa bellissima notizia è stata pubblicata oggi anche sul quotidiano La stampa
    w il nepal democratico !!!

  • Alle 16 gennaio, 2007 23:01, Anonymous SaVeTheRabBiT.nEt

    è proprio una bella notizia..

  • Alle 17 gennaio, 2007 11:52, Blogger rongpuk

    IL NEPAL E' UN LUOGO SICURO COME DEVE ESSERE PER I TURISTI

    Messner incoraggia i tedeschi a visitare il Nepal e anche in Inghilterra qualcosa si muove per incoraggiare il turismo:

    Kantipur Report
    KATHMANDU, Jan 17 - Reinhold Messner, the first person to climb all 14 eight thousand meter+ high mountains on Monday requested all the German people to visit Nepal.
    Speaking at a press conference organised in Stuttgart, Germany on January 15 to disseminate information on Nepal tourism, Messner said that Nepal is as safe as it used to be for the tourists. The conference was attended by 40 renowned press personalities of Germany, stated a press release issued by Nepal Tourism Board.

    Nepalese Ambassador to Germany Madan Kumar Bhattarai was also present at the conference.

    The conference was basically centered on the changed scenario of Nepal after the signing of Historic Peace Accord, which was explained by Ann- Katrin Bauknecht, Honorary Nepalese Consul General and ambassador Bhattarai.

    Reinforcing on the fact that there was no problem for the tourists coming to Nepal even in the hour of crisis, Messner asked them to imagine how the situation would be with all smiles on the faces of Nepali people welcoming the tourists in the new changed context.

    After the conference Messner visited the Nepal Stand and signed his books to the public.

    Messner also delivered a lecture to 400 well-known business personalities, sharing them with his experiences of life, and frequently talked about his time in Nepal.

    Documentary on Nepal screened in London

    A documentary named 'Nepal - Journey's on the Roof of the World' was screened at Nepal Embassy Hall in London, UK on Tuesday.
    The documentary film, produced by 73Films with the support of Nepal Tourism Board, has captured various tourism activities like river rafting, trekking, village tour, jungle safari, Dashain festival, Nepali life style, etc. About 80 dignitaries from Nepali

    Diaspora, media, and Nepal Loving Britons attended the programme and enjoyed the film, stated a press release issued by Nepal Tourism Board.

    The chief guest of the programme Dipendra P. Bista, Charge de Affairs, Nepalese Embassy in UK, honoured 73Films team by awarding Letter of Appreciation on behalf of Nepal Tourism Board.

    Stephan Sherman, producer and director of the film, shared his 14-month long experience in Nepal during the making of the film and reiterated that 'the worth of friendship is incredible in Nepal'.

    At the end of programme, NTB PRR Dhruba K C shed light on NTB's role and support in this film. KC expressed his optimism that 2007 would be promising year for Nepalese tourism.

    Posted on: 2007-01-17 03:56:23 (Server Time)

  • Alle 17 gennaio, 2007 20:36, Blogger Beren

    Già, bellissima notizia, specialmente per noi che seguiamo la storia da un anno!

    A proposito di turismo in Nepal, da me ho postato una notizia alquanto curiosa... :)

  • Alle 18 gennaio, 2007 10:58, Blogger rongpuk

    Sì hai ragione, avevo letto anch'io di questa cosa dal blog del Gilioli dell'espresso... questa notizia per me è stata una conferma della sfiducia che ho nel capo del Nepal Tourisme Board...però è un'opinione personale...

  • Alle 18 gennaio, 2007 11:03, Blogger Seclet

    Salve ragazzi, non so se vi ricordate di me, ma sono tornato! Oh avuto un po' di problemi con alice (evidentemente era mestruata.
    Anche io ho letto l'articolo sulla stampa di qualche giorno fa. Speriamo veramente che la pace duri.
    Vi leggo sempre con piacere, ciao!

  • Alle 19 gennaio, 2007 18:35, Anonymous Francesco

    Avevo gia` postato, poi un black-out ha cancellato tutto, l'altra notte.
    Rongpuk...Silvia...sono contentissimo di quello che m'hai scritto di la`...Resti una scassamaroni (hehehe) ma ti vogiio un gran bene !
    Andrea, anche a Te. Presto mi faccio vivo. Presto.

    Mo' bando ai sentimentalismi...qui va come avevo pronosticato anche col Gilioli...

    I maoisti si spaccano, nel Terai non ci stanno. La Pace fuori non c'e`. Maoini contro maooni.
    Ora i miex ex ospiti sono dalle parti di Chiwan Park a vedere di aggiustare un po' le cose.
    Sperem...
    Intanto l'ambassador che porta pena, l'US James Moriarty (ricordi sherlock holmes ?), un giorno dichiara "I maoisti stanno bene nella black list dei terroristi internazionali"...passa 'a nuttata e fa: "Welcome, benvenuti i maoisti in Parlamento"...
    Avranno mica intenzione di bombardare il "Supremo" una volta seduto sul suo seggio ?
    Finiro` sotto una superbomba svizzera ?

    Vabbuo`...

    La sai l'ultima ?
    One killed in Lahan over MPRF protests, administration clamps curfew

    The local administration has clamped curfew in and around Lahan municipality from 6 pm this evening till 4 am on Saturday morning after one person was killed when the workers of Madhesi People's Rights Forum (MPRF) and Maoists clashed with each other in Lahan of Siraha district this afternoon.

    According to reports, clash ensued after a group of Maoist cadres were stopped by MPRF cadres in Lahan as they had announced chakkajam – traffic blockade – in the area.

    One Ramesh Mahato, 16, was killed when a Maoist cadre opened fire at the MPRF workers. Following the killing, the workers of MPRF torched over one dozen vehicles.

    Transport in Siraha and Saptari districts as well as in several places in the East West highway have been disrupted by the MPRF cadres who are demanding that their central leaders be immediately released.

    Around 14 leaders of MPRF including its chairman Upendra Yadav were arrested from Kathmandu on Tuesday after they burnt copies of interim constitution claiming that it failed to address the concerns of people of Terai. Some of these leaders have been slapped with charges under Public Offense Act.

    Meanwhile, a delegation of Terai MPs belonging to various parties today met with Home Minister Krishna Sitaula. The MPs urged the minister to release the MPRF leaders who they say had been arrested without any legal basis.

    In another development, leaders of eight parties including Maoists, have decided to hold a joint peace and goodwill rally in Birgunj on January 21. nepalnews.com sd Jan 19 07

    A est, in Terai...lunghissima pianura ai confini con l"india...e` tutto in alto mare. Fino al west. Far.

    Sperem...l'ONU sta contando le armi.
    Le contano nei depositi.
    Mi sento sarcastico.

    Namaste`
    Un abbraccio a tutti...

    Ohi, Beren...Quella del Machu Picciu e` un'idea da piccioni, con un fondo di genialita` nepalina...
    Fa ridere un sacco...


    Vedrem 'sto Nepal...quasi partecipi. Talvolta molto fuori.
    Sandro...Non per la maria. Non serve.

    Per adesso hanno cambiato, essenzialmente, il nome della Compagnia aerea...Da Royal Nepal Airlines a Nepal Air Corporation...

    Cambiamo anche noi il nome all'Alitalia ?
    Per fermare gli americani a Vicenza.
    Mi sento confuso.

    Preghiamo...???

  • Alle 20 gennaio, 2007 07:46, Anonymous ericablogger

    preghiamo ? o andiamo direttamente a Fatima e a Lourdes?

  • Alle 21 gennaio, 2007 12:33, Blogger rongpuk

    Fra, lo so che mi vivi come SCASSAMARRONI ma tu mi manchi davvero un casino...
    Prendo spunto dalle tue ultime parole (eheheh) per chiedervi di leggere le pagine di sto link http://www.globalproject.info/index-it.html e chiedervi di dare un po' di attenzione a ciò che per molto tempo tutti hanno cercato di insabbiare.
    I ragazzi di questa città, stanno davvero lottando con tutte le loro forze per farsi ascoltare. Non è una stronzata, io a Vicenza ci ho vissuto per 17 anni, ho vissuto la vicinanza col popolo bambinoamericano (tutti ragazzi molto giovani, la maggiorparte di loro ha poco più di vent'anni, viene da zone depresse, oppure sono figli di immigrati). Anni fa avevano promesso ai cittadini vicentini che il numero di militari sarebbe stato ridotto fino alla chiusura della vecchia caserma Ederle. Io ricordo da ragazzina, quando andavo a liceo in pullmam vedevo tutte le mattine i giovani soldati correre con la loro tuta grigia con scritto ARMY, vedevo i blindati uscire per i campi di addestramento. Mi sembrava di stare in TERRA OCCUPATA.
    Ora ne arriveranno 2500, se va bene. Un'amica che vive in questa splendida città palladiana e che fa parte del comitato che lotta contro la base, mi ha detto che alcune terre verranno espropriate per ingrandire l'aeroporto.
    E' giusto continuare a vivere con questo debito di guerra per sempre? E' giusto vivere in una città così bella come se si fosse sotto occupazione USA. Da quando hanno iniziato ad espandersi i prezzi degli affitti e delle case sono lievitati rispetto ad altre province di campagna in Italia.
    Io lancerei una provocazione: credo che i vicentini ogni tanto si dicano "ma gli americani non sono anche loro extracomunitari?" come in Italia rifiutano gli africani e gli asiatici forse i vicentini vorrebbero che il governo rifiutasse loro.

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.