martedì, settembre 19, 2006,09:12
Dicevi tu...
Oibò. Continuo a pensare quello che pensavo di Santoro: uno dei pochissimi capaci di fare giornalismo in tv. E continuo a pensare la stessa cosa anche sulla censurabile censura subita in questi anni.
Ma non mi sono mai espresso sulla persona. Lo faccio ora: dio che ipocrita.

Articolo21, un'associazione che tutti, più o meno, dovrebbero conoscere (o comunque basta leggere qui). Un'associazione che da anni difende il diritto costituzionale di manifestare il proprio pensiero e da anni, per tanto, caldeggia il ritorno degli epurati in tv: Santoro, Biagi, Luttazzi, Guzzanti. E da anni difende, quindi, il pluralismo.

Pluralismo: ondizione per cui in una società sono consentite e favorite l’espressione e la divulgazione di una pluralità di opinioni e credenze politiche, ideologiche e religiose anche se diverse da quelle della maggioranza
Poi su articolo21.info (quotidiano on.line) Massimo Del Papa, giornalista di Mucchio Selvaggio osa criticare (leggi), tra l'altro regalandoci spunti interessantissimi, la prima puntata della nuova trasmissione dell'ex deputato europeo. Che fa Santoro? Si dimette da Articolo21. Cosa fa Articolo21? Si scusa, implora pietà, affermando:

Massimo Del Papa e’ un giornalista della rivista Mucchio Selvaggio che ha scritto altri commenti e riflessioni sul nostro sito su diversi temi. Molti apprezzati, altri meno. Il suo ultimo pezzo ha innescato numerose polemiche, dentro e fuori della redazione e questo ci duole.
Ci duole? Ma come?, vi duole affermare una volta di più il pluralismo? Guardate che è questo il pluralismo che tanto difendete. E lo dovresti sapere anche te, caro Michele, invece di dimostrarti tanto arrogante.

Chiuderei proprio in questo modo, citando l'ultima risposta di Del Papa:
Andassero tutti affanculo, destra, sinistra, censurati, censori, potenti, impotenti, cani sciolti, cani legati. Io, per quello che mi riguarda, di questa farsa chiamata “giornalismo” ne ho pieni i coglioni.
Massimo Del Papa
P.S. tutta la vicenda è riassunta qui.
scritto da Andrea&Serena



3 Commenti:


  • Alle 19 settembre, 2006 10:27, Anonymous diderot

    c'è sempre "un puro più puro che ti epura".

  • Alle 19 settembre, 2006 12:46, Anonymous Noantri

    Sulla figura professionale di Del Papa ho molti dubbi (ho letto il suo blog e il più delle volte ho inserito le mie mani tra i miei folti capelli), ma trovo interessante tutta la vicenda e frettolosa la decisione della redazione di Anno Zero (la migliore trasmissione di approfondimento giornalistico degli ultimi cinque anni).

    Ad ogni modo grazie per aver segnalato la cosa, che non conoscevo.

    p.s. ma una volta tu non mi avevi chiesto l'indirizzo mail in privato? Non mi hai più fatto sapere nulla :-)
    [Ste]

  • Alle 19 settembre, 2006 13:11, Blogger Andrea&Serena

    @diderot: commento perfetto. Penso tutto il bene possibile di Santoro professionista. Del Santoro uomo non ho mai pensato. Una volta l'ho intervistato ed è stato molto disponibile, cordiale. (Tra l'altro la televisione non rende bene l'idea: è enorme...vabè). Però credevo che la sua battaglia gli avesse insegnato qualcosa. Invece è caduto della voglia di fare il potente.
    @noantri: ti avevo chiesto l'indirizzo, vero! E ti avevo anche scritto...credevo tu avessi guardato quella mail e l'avessi letta come si fa con i volantini pubblicitaria...invece non t'è mai arrivata. Ora la rimando.
    Per quanto riguarda Del Papa: non avevo idea di chi fosse. L'articolo su anno zero non mi sembra banale. C'è qualche spunto interessante. E soprattutto c'è un'idea propria. Libero di scrivere ciò che vuole no?
    Pensi si tratti di fretta? Lo spero. Se così fosse ci penseranno e faranno dietro front. Ma...

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.