martedì, aprile 11, 2006,20:12
Fa che questo papa #2 (post numero100)
Questo è il post numero100. E' un onore che debba toccare a me, che così colgo l'occasione per ringraziare tutti visitatori, tutte le persone che hanno voluto questo blog, e tutti i ragazzi che hanno accompagnato -e tutt'ora accompagnano- l'avvenutra "Blogs for Nepal".
Ma non sarà un post di ringraziamenti: affatto. Segue ora la risposta di una ragazza alla lettera -pubblicata da Beppe Grillo e da noi ripresa nel lontano Novembre- di padre Alessandro Santoro. Una lettera bella e, dal nostro punto di vista, altamente condivisibile. Non da tutti evidentemente da quanto segue...
P.S. Praticamente Square non ha parlato di elezioni. Ora -grazie a Dio- sono finite. Non l'abbiamo fatto perchè ci sembrava scontato e di cattivo gusto. C'era da scegliere tra due mali, tra due modi di fare politica che non sono mai stati attuali, tra due programmi vecchi, neanche lontanamente progressisti. E, ahimè, neanche conservatori. Nè carne nè pesce: che nessuno esulti: sarà ancora la solita Italia. Citando Moretti: chi voleva sapere sa. All'85% degli elettori tutto va bene così, altrimenti avrebbero scelto il divano di casa. Un "in bocca al lupo" alla Rosa nel pugno, l'unica forza in campo vagamente diversa. Io il mio voto lo tengo per momenti migliori...

Fa che questo papa #2

Ma su, a chi interessa davvero cosa fa il Papa, se non è quello che faremmo noi? A chi interessa seguire dei principi religiosi, se limitano la libertà dei propri comodi? A chi interessa leggere i Vangeli, se non per smontare il Cristianesimo? A chi interessa avere un Papa compagno di viaggio, se quel viaggio non ha come destinazione l’unione tra religione e XXI secolo?
Si parla di un Cristianesimo che non può e non deve essere, perché seguire un Cristianesimo che giustifichi tanti dei comportamenti di oggi sarebbe una sfida che non varrebbe la pena tentare. Lo diceva Pascal, tanto per citarne uno: non si sa se è vero che esista un Dio pronto a regalare una vita eterna dopo la morte, ma vale la pena scommettere su di Lui; male che vada, se questo generoso “signore” non dovesse esistere, almeno si sarebbe vissuta una vita “sana”. Però se tanto si sceglie di seguire solo la proprio testa (e non dico che sia per forza sbagliato), allora tanto vale lasciare il Cristianesimo, il Papa, il Vangelo e i francescani a tutti quelli che non considerano la Bibbia solo come un libro storico più o meno ai livelli del Corano. Trovo ipocrita giudicare cose che non rientrano nei propri interessi, e trovo inutile mettere la razionalità dove non c’è nulla che sia possibile razionalizzare. Non parlo da cristiana prevenuta, né da cristiana convinta, né da cristiana convinta; parlo come una comune persona che a 21 anni ha vissuto (e fortunatamente) qualche esperienza che le ha fatto pensare “FORSE NE VALE LA PENA”. E la figura del Papa che ho visto in questi suoi primi mesi da capo della Chiesa è la figura di un uomo comune che si trova ancora all’ombra del suo grande predecessore, cioè di quello che è stato capace di guadagnarsi un posticino nel cuore di molti credenti e non. Non dev’essere facile non deludere le aspettative del mondo senza cadere nell’imitazione di quanto già detto e già fatto, mettendo d’accordo tutte le varie sfumature che vanno dai progressisti agli ultra-conservatori, venendo da un Paese con un passato politico così discutibile.
Tra le esperienze a cui prima mi riferivo mi viene in mente quella che nasce dalla follia di partire munita di zainetto e lasciando a casa il ricordo di ogni confort: la Giornata Mondiale della Gioventù di Colonia 2005. Premessa che mi veniva ripetuta ogni 100 m di strada: “Questa non è una vacanza”. Inutile descrivere quindi l’allegria iniziale… Poi piano piano incontri con ragazzi di tutto il mondo, vecchine fuori dalla classica chiesetta tra la nebbia che pur non parlando una sola parola di italiano (e noi non una di tedesco) erano felicissime di farti ingozzare con le loro torte fatte in casa (non fatemi ripensare a quella al limone…), le attese qua e là per mangiare seduti per terra che faceva molto barboni itineranti, e poi i vari discorsi di quel Papa che “qualcuno” definisce di una qualche strana pasta (licenza poetica): frasi che nella loro semplicità uno con orecchie pronte ad ascoltare si porta dietro, che per chi vuole capire sono di incoraggiamento, che uniscono perché pronunciate appunto per giovani di tutto il mondo.
Spesso penso al cristianesimo come al latino: ormai un ramo secco. Poi mi ritrovo sul Reno ad aspettare il passaggio del Papa (sul battello, tranquilli, ancora niente miracolo :-) insieme a bandiere svolazzanti di nazioni di cui nemmeno conoscevo l’esistenza (sempre stata ignorante in geografia), giocando a ruba-bandiera (21 anni e non sentirli!) insieme a Jane e Kate from Usa… E poi lui che parla, e tra quelle frasi in inglese o in spagnolo arriva quella in italiano che sembra detta proprio per te, che risponde alle tue domande e che descrive le tue emozioni. Neanche te ne accorgi (se non per il fatto che non ne puoi più di mangiare wurstel o salame che sa di wurstel, o pesce al sugo che sa di wurstel...) e la settimana è finita: manca solo la veglia con il Papa, tutto un grande prato di km e km intorno al suo palco, dentro a sacchi a pelo mai troppo caldi per l’umidità che c’è e sotto ai famosi teli blu che fanno sempre più barbone. Appena cala il Sole, davanti a noi lo spettacolo che non ti aspetti: migliaia di luci intorno a te, distese di persone come te. Da tutte le parti. Da tutto il mondo. Tutti giovani. E allora ti rendi conto che la religione non è solo precetti, non è per forza noia e soprattutto non è legata solo al capo della Chiesa. Tutti quei giovani non erano là per l’uomo Ratzinger, ma anche grazie a lui non sono rimasti delusi.

Poi aggiungo: si può credere o meno, non giudico chi non la pensa come me anche se molti di loro fanno il contrario. Né pretendo di pensare che un raccontino possa insinuare dubbi nelle altrui convinzioni. Però parlo per tutti quei giovani, non per eroismo ma perché c’è tutta una realtà che vi assicuro, non è poi così stupida o malvagia…

scritto da Andrea&Serena



3 Commenti:


  • Alle 12 aprile, 2006 20:40, Anonymous ericablog

    bella lettera ...qualcuno disse "Beati coloro che credono" : se non si ha voglia di credere a 21 allora sì che il mondo è veramente finito ...io, che sono arrivata a 51, ho smesso da tanto tempo di essere praticante e rimpiango il papa polacco xchè sapeva essere un uomo di pace, anche se era comunque , pure lui, il capo di quella chiesa cattolica che predica il matrimonio e la procreazione ma rifiuta l'amore tra persone dello stesso sesso, la convivenza , il preservativo ed il controllo delle nascite, le staminali che tanto potrebbero essere utili, soprattutto x gli ammalati di diabete ed altro, ....
    gesù disse di amarci gli uni agli altri, ma forse è più facile dirlo o leggerlo nel vangelo, che metterlo in pratica!!!
    un augurio al post n 100 e altri 1000 a square x tanto successo e fortuna a venire
    bravi ragazzi, e continuate così !!!!

  • Alle 12 aprile, 2006 20:55, Blogger Andrea&Serena

    Grazie Erica a te che tanto ci hai aiutato!
    Già...troppo potere ad una chiesa lontana dal vangelo ma che su di essso dice di basarsi. Gesù vuole i gay il papa no. La domanda è: ma chi è il più importante?

  • Alle 12 aprile, 2006 22:21, Anonymous marco

    cento, è un bel numero, un bel punto di partenza.
    Spero di tornare qui presto a festeggiare mille altri post.

    Elezioni: già, anche io credo che non ci sia molto da festeggiare, non vedo né vincitori né vinti. E chi festeggia e si proclama salvatore della patria è solo l'ennesimo politicante, piccolo uomo, ma su uno sgabello abbastanza alto per fare danni. La rivoluzione deve ancora arrivare.

    Papa: la grandezza di Giovanni Paolo II è uno dei fenomeni del secolo appena trascorso, fenomeno che ha travalicato il confine del secolo per traghettare la Chiesa nel nuovo millennio. C'è chi ha parlato di fine della storia, e dopo l'11 settembre si è dovuto ricredere. C'è chi ha parlato di inattualità della Chiesa, ma ancora una volta è stato smentito. Nessuno mai era riuscito a mobilitare il mondo, e soprattutto il mondo giovane come ha fatto GPII.
    Ora al successore tocca il compito non facile di portare in chiesa quelle masse che GPII ha portato nelle piazze.
    Tocca il non facile compito di far capire che cos'è il relativismo e perché va superato.
    Sta poi a noi scostare quel velo che ci oscura la vista e riconoscere che proprio dietro al relativismo si nasconde limmensa attualità del messaggio cristiano.

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.