lunedì, dicembre 11, 2006,20:38
The flag of our father.
"Nessuno vuole discriminare le coppie di fatto o i gay. Ma deve essere chiaro che in nessun modo le coppie omosessuali possono essere parificate nella nostra legislazione alle famiglie".

"Sono contrario all'eutanasia: la vita non e' nella disponibilita' di un uomo".

Etichette: ,

scritto da Andrea&Serena



18 Commenti:


  • Alle 11 dicembre, 2006 21:54, Anonymous marco

    Mi sfugge una cosa, ma di certo è colpa della mia stanchezza, disattenzione....
    mi sfugge il senso dell'aver riportato queste due dichiarazioni, vorrei capire se sei d'accordo o contrariocon quanto sostenuto.
    Messe lì così sembrano il bersaglio di uno sberleffo, più che due opinioni cui aderire.
    Ma ripeto, obnubilato sono io. Vorrei solo capire.

  • Alle 11 dicembre, 2006 22:08, Anonymous erica

    sono contraria all'adozione di bambini da parte di coppie gay, ma x il resto non me ne importa proprio nulla se i gay si sposano o no
    con tutta l'ipocrisia dei cosidetti cattolici ,separati o divorziati e con una nuova famiglia, abbiamo superato i limiti
    sono x i pacs xchè ci sono persone che convivono che si vogliono bene e coppie sposate in chiesa che si odiano e si fanno le corna appena possono reciprocamente!!!
    quanto a welby e ad altri come lui, credo abbiano il diritto di farsi staccare la spina
    e Fini , che è a favore della guerra, pottrebbe preoccuparsi di se stesso ....invece di sputare sentenze sulla vita e sulla morte di chi è gravemente ammalato e desidera interrompere un acanimento terapeutico senza senso
    La vita in quei casi lì è di chi è ammalato e deve avere il diritto di scelta

  • Alle 12 dicembre, 2006 11:16, Blogger QuadrophenicO

    I gay sono liberi di sposarsi tanto quanto un malato è libero di scegliere di smettere di vivere se la vita che vive è tutto tranne che una vita tanto quanto Fini è libero di essere a favore di una guerra (giusta o meno punti di vista) tanto quanto io sono libero di scrivere ciò che voglio su questo commento ma non ci dovrebbe essere libertà per le persone che dicono determinate cose e poi agiscono in modo diverso, l'ipocrisia è una brutta cosa...Non dovrebbe esserci libertà per le persone che si reputano intelligenti soltanto perchè colte, quella è cultura non intelligenza spesso viaggiano di pari passo avvolte no e nel 2do caso c'è una sottile differenza tra il colto e l'intelligente ma che fa la differenza.

  • Alle 12 dicembre, 2006 12:13, Blogger QuadrophenicO

    Ah Pè dimenticavo, per Songs Of The Month #3: Buona Risposta - Verdena, Pixel - Verdena, Balanite - Verdena

  • Alle 12 dicembre, 2006 15:46, Blogger Andrea&Serena

    @marco: Si, giacevano lì in mostra. Due oggetti in vetrina. Poi che ognuno ne faccia ciò che vuole: qualcuno tirerà una pietra schifato; qualcun'altro rimarrà immobile ammirato.
    Altra cosa è quel che penso.
    Doveroso rispetto per entrambi. Ma sogno una politica ben distante da tali posizioni. Non politicanti d'accordo con me. Ma politicanti incapaci per etica professionali di mirare ad uno stato etico. Lo stato DEVE garantire uguali diritti per tutti. Puo' farlo in modi diversi, seguendo strategie diverse. Ma riguardo questi due argomenti non conosco altre strategie che affidarsi alla coscienza del cittadino. Non posso che rabbrividire per un politico che afferma "la vita non e' nella disponibilita' di un uomo". Ma come? Cioè? La vita è nelle mie mani. Se quella dell'onorevole Fini, invece, non lo è contentissimo per lui. Sarà lontano dai terremoti esistenziali quotidiani, perchè unito a forze più alte e infallibili. Ma io no, e lo prego di non scegliere per me. Mi tengo stretto, molto educatamente, questo mio diritto inalienabile: il suicidio.
    Riguardo le parole di Casini, invece, non ho nulla da aggiungere. Non comprendo, proprio non ci arrivo, mi risulta impossibile. Non capisco se sono dettate dallo schifo, da una omossessualità latente o da cos'altro. Anzi Marco, se hai tempo prova a spiegarmele. Come si puo' mettere su due piani diversi l'Amore? Perchè allora non togliere un po' di diritti anche ai matrimoni in cui la differenza d'età è molto alta? O alle coppie plurirazziali.
    @erica: riguardo le adozioni non la farei così semplice. Io sono favorevole, essendo convinto che la vita del figlio non dipenderà dalla sessualità del genitore, ma dalla qualità del genitore e da una miriade di altri eventi. E non statemi a dire che un figlio nato da una coppia gay avrà problemi di discriminazione: si è vero, ma vi sareste mai sognati di proibire per legge la medesima cosa ad una coppia di afroamericani?
    Credo ci vorrebbero studi approfonditi, riguardo la possibilità di influenzare le tendenze sessuali del bimbo. E qualsiasi fosse la conclusione di tali studi, chiedersi: e quindi? Venisse su gay sarebbe inferiore?
    @BRUNO: una cosa è essere favorevole ad una guerra, una cosa e farla, altra ancora e se la combinazione di queste due cose si concentra in un unica persona che però sembra essere così religiosa. Religiosa sino al punto di proibire per legge l'eutanasia perchè va contro i suoi principi religiosi. Sbaglio, forse, ma le cose sono un po' in contraddizione...

  • Alle 12 dicembre, 2006 15:52, Blogger QuadrophenicO

    Pè dì quello che vuoi ma ne abbiamo già parlato, dare la possibilità ad una coppia gay di adottare un bambino è follia, non esiste.

  • Alle 12 dicembre, 2006 17:06, Blogger Andrea&Serena

    Veramente ne abbiamo già parlato? Secondo me no! Perchè è follia?

  • Alle 12 dicembre, 2006 17:10, Blogger Tottoi

    Questo commento è stato eliminato dall'autore.

  • Alle 12 dicembre, 2006 17:20, Blogger Tottoi

    mi sono accorto poco tempo fa che non si può negare a una coppia gay di avere o adottare un bambino. spero che fini non abbia detto quello che c'è scritto altrimenti è un pazzo scatenato, casini ormai nenache lo considero più. trovo invece i pacs una cosa assurda completamente inutile, se due persone stanno insieme senza sposarsi è perchè vogliono essere libere, vogliono essere due persone e non una 'famiglia' a questo punto non vedo perchè dovrebbero sostituire il matrimonio con un'altra forma di incatenamento. per i gay, basterebbe concedergli il matrimonio, i pacs anche in questo caso sono inutili. tutti sputiamo sentenze..

  • Alle 13 dicembre, 2006 09:31, Anonymous marco

    Ciao Andre,
    ho letto il tuo commento, ora sono al lavoro e non riesco davvero a risponderti adeguatamente. Però appena ho un attimo ci risentiamo. Buonagiornata m

  • Alle 13 dicembre, 2006 12:01, Blogger Beren

    Non capisco davvero le parole di Fini, l'idea che la vita non sia nella disponibilità di un uomo è espressione di una mentalità profondamente cristiana o profondamente stalinista. E dato che escludere la seconda è ovvio, rimango nel dubbio per la prima.

    Sulle parole di Casini, Andrea, ti faccio osservare che lui non parla di Amore, che è un elemento soggettivo, ma si riferisce alla famiglia in quanto ente definito da un punto di vista strettamente legislativo. Quindi sotto questo aspetto penso che abbia ragione.

  • Alle 13 dicembre, 2006 18:58, Blogger Tottoi

    sì beren, casini la vede in quel modo, ma io non capisco, e suppongo anche andrea, quale sia il problema per uno stato o anche per i singoli cittadini che una famiglia sia formata da persone di sesso diverso o uguale

  • Alle 13 dicembre, 2006 23:20, Anonymous marco

    Eccomi:
    http://think.turns.it/?p=455

  • Alle 14 dicembre, 2006 10:47, Blogger Beren

    Beh, in effetti essendo Casini profondamente credente ritengo che per lui la motivazione "cristiana" del dare la precedenza alla famiglia tradizionale venga prima di altre motivazioni, ossia ne è il presupposto.

    Il motivo per cui tuttavia gli dò ragione è legato a una motivazione prettamente pratica. Ciò che la famiglia eterosessuale ha in più rispetto a una coppia omosessuale è la maggiore utilità sociale, in quanto è in grado di generare figli. E non credo che sia una cosa da sottovalutare, dato che una società che è demograficamente sterile è destinata a scomparire.

  • Alle 14 dicembre, 2006 22:49, Anonymous ericablogger

    non ho più avuto tempo di leggervi
    ora però vi rispondo
    io in classe ho avuto ragazzi che poi in età adulta sono diventati gay
    alcuni lo erano già x tendenze loro, xchè madre natura a volte fa confusione!, altri lo sono diventati xchè cresciuti in ambienti problematici: il padre che lo disprezzava xchè non era un macho come lui, e lo chiamava nei modi peggiori, così un bel giorno lui ha iniziato a truccarsi e via di seguito... l'altro xchè x i genitori esisteva solo il gemello e lui ha cominciato a frequentare persone con disagio profondo come lui e poi a poco a poco ha iniziato pure a travestirsi ecc ecc
    sembra strano, vero? ma l'imprinting di un certo ambiente e le persone con cui si vive creano la personalità
    ecco xchè non vedo x nulla di buon occhio i bambini con le coppie gay , e alcuni sono figli loro, nati da precedenti matrimoni con donne
    vedo sempre invece uno dei miei ragazzini difficili , che oggi è gay e convive con una ragazza madre con un bimbo bellissimo
    vivono insieme xchè sono amici e dividono le spese
    ognuno però fa vita privata a sè ...
    x i pacs, Andrea, ritengo che sia giusto che ci siano, come in Francia, xchè chi decide di vivere insieme senza matrimonio, abbia comunque gli stessi diritti degli sposati
    so di donne che alla morte del convivente si sono viste buttare fuori casa dai parenti di lui, in genere dai figli, senza tener conto che erano vissuti insieme x anni mettendo insieme non solo la vita ma anche i propri soldi ecc
    non vedo xchè casini debba fare il cattolico perbenista quando lui è il primo ad essere separato e risposato
    quello suo x me è bigottismo
    quanto al fatto che fini decida della vita altrui, beh ... ritengo che quando una persona è gravemente ammalata( ricordo gli ultimi 3 anni di mio papà o gli ultimi mesi del mio alunno ammalato di sarcoma e le tremende sue sofferenze a 13 anni , quasi 14 )ad un certo punto abbia il diritto di chiedere di staccare la spina, di scegliere di andarsene , senza che nessuno intervenga a dire cosa e xchè e xcome ...
    chi non ha provato sulla propria pelle e x aver avuto qualcuno vicino che non ce la faceva più, sa che quella non è eutanasia , ma il solo desiderio di cessare di soffrire
    non è assolutamente questione di intelligenza, ma di sensibilità
    e chi sputa sentenze tanto x dire non è certo sensibile
    vorrei che il signor fini provasse di persona
    così come il papa dice che contro l'aids ci vuole l'astinenza !!!!
    e i preti pedofili???? e i malati di aids ???? dubito molto che se gasù fosse qui tra noi direbbe di astenersi ....

  • Alle 15 dicembre, 2006 16:23, Blogger Tottoi

    beren, una società demograficamente sterile sarà destinata a scomparire con o senza i matrimoni tra gay, non credo che non potendosi sposare con i propri amati possano decidere di avere dei figli con una donna.
    erica, io la penso proprio come te, i bambini cambiano o comunque creano la propria personalità nell'ambiente in cui vivono e non penso che si possa decidere se un ambiente è positivo o meno solamente in base al sesso dei genitori.

  • Alle 15 dicembre, 2006 19:58, Blogger Beren

    Non ci siamo capiti. Usando l'aggettivo "sterile" non intendevo le persone singolarmente...

  • Alle 16 dicembre, 2006 16:03, Blogger Tottoi

    io intendevo che matrimoni gay o meno se le coppie etero non fanno figli, si scompare ugualmente

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.