sabato, febbraio 03, 2007,19:19
SONO INCAZZATO

vi avviso prima, sarò prolisso con un argomento scontato quindi se siete stanchi non leggete.

oggi è di moda attaccare il calcio, il suo mondo, i suoi tifosi, i suoi soldi, così, tanto per sparare contro un bersaglio tanto grande in un giorno tanto ideale. il problema sta nel fatto che il calcio è solo un pretesto, il vero problema sta nelle menti minorate e represse dei tifosi italiani, in alcuni tipi di "tifosi" che non sono più solamente quelli delle curve. persone talmente represse che per uscire dall'anonimato e dalla bassezza della loro quotidiana vita vanno allo stadio e lo utilizzano come oggetto di rivincita sociale. sarebbe davvero molto interessante provare ad indagare sociologicamente cosa differenzia l'uomo-tifoso-medio (spesso del centro-sud) italiano da quello europeo-medio. e sarebbe anche facile da indagare, è sufficiente vedere con quale approccio gli adulti, siano genitori o allenatori o dirigenti, avvicinano i bambini al calcio, è sufficiente andare nei campi delle nostre piccole città in cui giocano i pulcini e osservare il comportamento degli spettatori o dei dirigenti o degli allenatori per rendersi conto di come il cervello delle persone sia utilizzabile solo per parlare di minuscole frivolezze tanto è completamente atrofizzato e piccolo. quelle persone sono le stesse che poi pretendono di insegnare il calcio ai bambini insegnandogli tattiche furbizie e allenamenti fisici piuttosto che dargli un palla e dirgli: divertitevi il più possibile e vedrete che sarà sufficiente per vincere. ma non possono dirglielo, perchè non è così che va il mondo del calcio, il mondo del calcio è la traslazione della nostra società e quindi anche nel mondo del calcio si va avanti per conoscenze per raccomandazioni per sotterfugi e questo rende represse le persone e questo causa le bombe carta negli stadi.
ancora più triste è la situazione se lo sguardo si sposta verso i decision maker del calcio. una persona che si sente rambo lancia una bomba allo stadio e cosa si fa? si sospende il campionato. ah, bella risposta, non sarà un pò troppo drastica?!?! motivando la scelta con un "così non si può andare avanti bisogna fermarsi fino a quando i tifosi non capiranno che il calcio è solo uno sport..." Ora, due considerazioni. la prima: come si può pensare che i tifosi capiscano che il calcio è solo uno sport (ammesso che riescano mentalmente a capirlo) se il messaggio che le stesse persone che sono nella macchina del calcio mandano messaggi contrari? Secondo, ammesso che il punto primo venga superato e che i tifosi grazie, non so forse magari all'elettroshock, riescano ad escludere i terroristi dagli stati come questo si può capire? Come la figc la lega calcio le forze dell'ordine possono riuscire a capire un cambiamento nella mentalità tifosa italiana così alla deriva da uccidere? solo mettendola alla prova e di certo non si può mettere alla prova una mentalità bloccando tutte le partite di un campionato e privando le persone NORMALI dello spettacolo dello sport. come sempre la stupidità umana infierisce sull'intelligenza non solo per sua stessa esistenza ma anche con dei comportamenti da essa derivati. la faccio finita con la triste constatazione che nessuno tra le persone "in vista" ha la possibilità di usare nei confronti dei maledetti pluripregiudicati tifosi parole del tipo minorato mentale se non voler poi dover andare in giro con la scorta tipo pentito di mafia. chiudo augurandomi un pò di vergogna nei giocatori nei dirigenti negli allenatori che anche solo per una volta hanno ringraziato i loro tifosi per il supporto datogli, ma naturalmente, è meglio dire la verità o girare con la scorta?

p.s. tutte queste parole sono anche dovute al fatto che domani avrei dovuto vedere la vittoria dello scudetto dell'inter correlata dalla indescrivibile soddisfazione di vedere ROSICARE i romanisti per l'ennesima volta. TIFOSI VI ODIO!!

Etichette:

scritto da Tottoi



4 Commenti:


  • Alle 03 febbraio, 2007 20:54, Anonymous Francesco

    Prolisso e condivisibile, compagno nerazzurro...

    Non sapevano piu` come fermarci...e hanno coinvolto perfino la povera Agata (Guarda, Stupisci...com'e` ridotto 'sto calcio per Te...).
    Partita anticipata per motivi di ordine pubblico: i disordini non potevano svolgersi di domenica...Bella pensata il Venerdi` di passione...


    Arredateci er giocattolo nostro...e affancuoio i delinquenti...tutti...e chi ha deciso la sospensione...e anche Sant'Agata...Tie`.

  • Alle 03 febbraio, 2007 21:46, Blogger rongpuk

    Fra' tanto per romperti le palle come al solito...ma la BIT si avvicina e tu ancor taci...lunedì avrò visite...

  • Alle 04 febbraio, 2007 00:00, Blogger QuadrophenicO

    Il vero problema non sono i tifosi che sono colpevoli ma chi permette ai tifosi di esserlo visto che a loro volta sono colpevoli due volte...

  • Alle 04 febbraio, 2007 01:43, Blogger Andrea

    Grazie Antò. M'hai stupito nello scrivere una cosa tanto banale. Finalmente. Così non l'ho dovuta scrivere io!
    Non solo sono ferocemente inferocito per non vedere la squadra a cui sono tanto affezionato vincere lo scudetto. E la squadra che tanto mi dà alle balle perderlo.
    Ma sono ferocemente inferocito soprattutto perché avevo a mala pena 15 anni quando scrissi le primi banalità su questo argomento. Non ne avevo abbastanza per ricordarlo quando morì Paparelli. Ed ho sentito innumerevoli volte dire "dobbiamo copiare gli inglesi". MA vaffanculo. Probabile che ci metteremo meno tempo a copiargli la Regina....
    Biglietto nominale: che fine ha fatto? Funziona? Ma soprattutto esiste?
    Controlli a chi entra. Ripeto: CONTROLLI A CHI ENTRA. E' assurdo che mi levi il tappo a me e a mio padre per un lazio-brescia e alla curva permetti di entrare con i petardi. Cosa significa? O che non controlli perché hai paura o che non controlli perché vieni pagato. In entrambi i casi: carabiniere ti prendo e ti licenzio.
    Basta carabinieri. BASTA. I carabinieri li pago e tutti gli altri italiani. io non pago 100.000 caramba alla settimana per mille coglioni sparsi tra i tifosi. La sicurezza la DEVE pagare il club (come in Inghilterra). Il club non si adegua? PUNTI di penalità. VERI. Altrimenti fanno a botte? Bene: processo penale in cui la squadra, se ci scappa il morto, rischia il fallimento.
    Ovviamente, anche se stiamo in Italia, le regole vanno applicate. Sennò lasciamo perdere. Perché potremmo anche decidere per la pena di morte per intimorire l'ultra, ma se poi non tagli il collo a qualcuno...ci stiamo prendendo in giro?
    Come faccio a nn dire che anche in questo caso il 50% della colpa ce l'hanno i politici? Quando c'è da parlare parlano. Quando c'è da fare parlano. IO NON VOTO. IO NON VOTO. IO NON VOTO. FIERO.
    LIBERTA' PER L'ASTENSIONISTA! BOIA CHI VOTA!

Cerca nel sito
Iniziative
  • Scopri come dare voce al Darfur

  • Scopri come dare voce al Nepal

  • green apple

  • drop outs cafè

  • Meltin'Pot

  • Anna

Commenti recenti
Home page Home Page Paniere di discussione Blogs For Nepal Popolo dei cieli grigi Photoway photoblog momoemomo photoway Contattaci Square Gallery Square 9
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.